Aborto in pericolo?

Gli stati uniti sono, almeno dalla fine della seconda guerra mondiale,  un paese trendsetter e lo sono anche per questioni sociali come disuguaglianza di genere e diritti delle minoranze.

Fu così anche negli anni 70 quando la corte suprema statunitense decise di sdoganare l’aborto con la sentenza Roe v. Wade che portò ad una discussione internazionale sul tema che porterà anche l’Italia a rendere legale la pratica con la legge 194 del 1978 che verrà riconfermata con il 69% dei voti nel referendum del 1981.

Adesso  negli Stati Uniti si è riaperto il dibattito sull’aborto, con la corte suprema che ha accettato di esprimere una sentenza su un caso che potrebbe rovesciare il risultato di Roe v. Wade.

La sentenza su questo nuovo caso è prevista per quest’Estate ,ma nel frattempo molti stati, come Texas e Idaho, hanno fortemente ristretto l’aborto in vista di una sentenza che limiti nuovamente l’accesso a questa procedura per tutte le donne degli states.

Proprio la settimana scorsa è stata scoperta una bozza della corte suprema che affermava che ci fossero i voti necessari per rovesciare la sentenza rimettendo così la legislazione su questo tema ai singoli stati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.