Cosa pensano le ragazze della sessualità?

Oggi leggere una frase di questo tipo può suscitare interesse e curiosità, ma il 14  febbraio del 1966 l’inchiesta di tre ragazzi del liceo Parini di Milano sullo storico giornalino scolastico, provocò un tale scalpore, da portare gli autori dell’intervista in tribunale.

La Zanzara era prodotto a scuola e ci scrivevano studenti che poi sono diventati giornalisti, ad esempio Vittorio Zucconi e venivano stampate 900 copie, il numero degli studenti. Costava 50 lire, compravano tutti tranne gli iscritti a Gioventù studentesca, che diventerà negli anni successivi Comunione e Liberazione.

L’intervista scritta da tre studenti, chiedeva alle ragazze se erano d’accordo ai rapporti pre-matrimoniali, se erano d’accordo ad usare gli anticoncezionali e le risposte mettevano in discussione la morale del prima/ dopo il matrimonio, della verginità.. L’articolo venne attaccato da un volantino di Gs (Gioventù studentesca) e gli autori dell’inchiesta Marco de Poli, direttore del giornale, Marco Sassano e Claudia Beltramo Ceppi, furono denunciati da un gruppo di genitori e rinviati a giudizio dalla Procura della Repubblica con l’accusa di ‘oscenità a mezzo stampa e pubblicazione clandestina’. Con loro fu processato anche il Preside Daniele Mattalia.

In questura  i ragazzi vennero denudati “per vedere se erano sessualmente maturi” e il premio Nobel Eugenio Montale scrisse di aver trovato più grave questo comportamento che la stampa dell’inchiesta.

Il processo , seguito da 400 testate giornalistiche di tutto il mondo, durò tre giorni e terminò con l’assoluzione dei tre ragazzi.

“La settimana dopo lo scandalo il prezzo salì di venti volte. Vendemmo il numero a ventimila lire,”ricorda De Poli i un’intervista a 50 anni di distanza. «Non c’era niente di esplosivo, sono stati gli altri a leggere tra le righe un’istigazione al libertinaggio».

Certo la Zanzara rappresentò un momento storico di rottura di tabù e l’ avvio di quella che sarebbe stata l’emancipazione sessuale degli anni 60 e poi 70.

Fareste oggi un’inchiesta così?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.