La candida durante l’estate

La Candida Albincans è un fungo presente in vagina in piccole quantità e finchè la sua presenza resta in equilibrio con il resto della flora batterica non abbiamo sintomi, ma quando si crea auno squilibrio si produce una Micosi, che si manifesta con perdite bianche della consistenza della ricotta, prurito vulvare , bruciore vulvare e vaginale e infiammazione.

In estate, in particolare in vacanza, possiamo essere soggette a questi disturbi, vediamo come prevenirli.

  • Il sudore irrita la cute e crea una maggiore disposizione verso le infezioni, quindi laviamoci frequentemente, evitando detergenti aggressivi e con aggiunta di profumi. Usiamo l’acqua e detergenti delicati.
  • L’umidità della cute crea un terreno che favorisce lo squilibrio della flora batterica, perciò se siamo in vacanza  al mare, evitiamo di tenere il costume da bagno umido a lungo. Cambiamoci per evitare di indossare altri indumenti sul costume bagnato. Insdossiamo costumi in cotone, evitando quelli sintetici e usiamo la biancheria intima con il tassello in cotone.
  • Ricordiamo che la candida è un fungo che si nutre di zuccheri, perciò curiamo la nostra alimentazione. Mangiamo frutta estiva , insalate e cibi ricchi di acqua e limitiamo le “schifezze”e così il nostro intestino funzionerà bene.
  • A proposito di intestino: spesso in vacanza cambiamo abitudini e puo’ acceadere che per alcuni giorni siamo soggette e stipsi o diarrea. Le feci che non eliminiamo comprimono il nervo pudendo che corre vicino al retto, dando sintomi simili alla candida. Beviamo almeno 1 litro e 1/2 di acqua e ancora frutta e vedura fresche. In caso di diarrea, in viaggio,  assumiamo i fermenti lattici
  • Nei viaggi lunghi appena possiamo muoviamoci, sgranchiamoci, perchè la posizione seduta mantenuta a lungo per necessità facilita la compressione della zona pelvica e quindi la comparsa di bruciore, irritazione della zona genitale, dando disturbi simili a quelli portati dalla candida.

A questo punto buona vacanza a tutte e … ricordiamo che in caso di questi sintomi rivolgiamoci ai presidi sanitari nei luoghi di vacanza e se siamo con un partner dovremo evitare i rapporti sessuali sino al termine del trattamento, per evitare l’effetto “ping pong” in cui ci i trasmette a vicenda un’infezione.

Buona estate!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.