La rivoluzione mancata

La Francia è famosamente considerata un paese rivoluzionario, almeno dal 1789.

La rivoluzione francese ha fatto tremare i monarchi assoluti  d’Europa.

Ma anche per i rivoluzionari Giacobini, l’area più radicale almeno nelle prime fasi della rivoluzione, che avevano partecipato alla redazione della “Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino”, un documento di libertà che parlava di diritti universali, c’era un limite che non si poteva superare, il liberamento delle donne dalla soggiogazione alla posizione di madri e mogli.

I rivoluzionari della assemblea legislativa eletta a suffragio universale (maschile ovviamente) che erano arrivati a condannare quello che fino a pochi anni prima era il sovrano assoluto di Francia ritenevano l’emancipazione e la partecipazione femminile un rischio alla stabilità sociale se non un abominio.

Nonostante la partecipazione attiva di molte donne ai moti rivoluzionari queste si vedevano escluse dai diritti per cui avevano lottato e che adesso gli veniva riferito erano riservati soltanto agli uomini.

L’ipocrisia del governo francese, che parlava di diritti inalienabili e universali ma non era disposta a concederli a metà della popolazione, venne indicata da Olympe de Gouges, una drammaturga e attivista, nella sua opera “Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina” del 1791.

Olympe si opporrà alle derive autoritarie dei giacobini che sfoceranno nel terrore e porteranno molte persone davanti alla ghigliottina.

Proprio per questa ragione verrà portata davanti al tribunale rivoluzionario il 6 Agosto del 1793 dove verrà condannata a morte.

Non basterà ucciderla agli uomini del terrore che si impegneranno a infangare la sua immagine presentandola come una pazza instabile, immagine che resterà almeno fino a dopo alla seconda guerra mondiale.

Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina: https://it.wikipedia.org/wiki/Dichiarazione_dei_diritti_della_donna_e_della_cittadina

Nell’immagine  Théroigne de Méricourt femminista belga che cercherà di creare il “battaglione amazzoni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.