La spirale

Ciao a tutt*! Esistono tanti metodi di contraccezione, sia di barriera sia ormonali, tra cui la spirale. La conoscete? Se la risposta è no, oggi ve ne parla PeerToYou!

La spirale – o IUD – è un piccolo dispositivo contraccettivo a forma di T che viene inserito nell’utero. Esso viene inserito dal ginecologo utilizzando un tubicino, al cui interno la spirale ha le braccia chiuse. Una volta immesso e sfilato dal tubicino, le braccia si aprono e il contraccettivo si adatta nell’utero. Si può tenere per un periodo pari a 3 anni, ma è comunque importante e consigliato fare delle visite ginecologiche periodiche. 

Esistono due tipi di spirale: quella contraccettiva ormonale e quella contraccettiva al rame. La prima rilascia progesterone – ormone contenuto anche nella pillola – per tutto il periodo in cui è inserita nell’utero. Questo ormone ha il compito di rendere la mucosa dell’endometrio inadatta ad accogliere l’ovulo e ostacola lo sperma. Il costo è di circa 200€. La seconda, invece, presenta un filo di rame avvolto lungo un braccio e rilascia gli ioni rame, che hanno l’obiettivo di rallentare gli spermatozoi. Viene tenuta in considerazione soprattutto per le donne che non hanno ancora partorito e nei consultori costa circa 20€. 

La spirale è efficace sin dal suo inserimento, tuttavia ricordiamo che non è un contraccettivo di barriera e quindi non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili (MST). Inoltre, tra i suoi vantaggi, lo IUD ormonale aiuta a ridurre i dolori e il flusso mestruale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.